martedì 4 gennaio 2011

CELLULITE Nuovi metodi per combatterla!

Titolo : CELLULITE Nuovi metodi per combatterla!
Sottotitolo : Radiofrequenza monopolare a freddo e cavitazione


Il medico estetico oggi è necessariamente impegnato ad affrontare richieste di intervento sempre più mirate e complesse, spesso difficili ma proprio per questo interessanti e stimolanti essendo la creatività l'anima di questo mestiere, creatività e fantasia supportate però da un impegno formativo ed un aggiornamento costante in risposta ed a sostegno della sempre maggiore informazione dell'utente finale e della costante evoluzione tecnologica del settore.
Di fronte ad una richiesta sempre crescente di rimedi efficaci e scientificamente provati un operatore serio ed aggiornato deve essere in grado di proporre soluzioni adeguate, gratificanti ed economicamente vantaggiose per l'utente.
Tra i vari ambiti di intervento terapeutico sugli inestetismi la cura ed il trattamento della cellulite rimane ancora una dura sfida.
Gli strumenti più innovativi ed efficaci al momento a disposizione del medico estetico sono la radiofrequenza monopolare a freddo e la cavitazione, che agiscono “sciogliendo”, con meccanismi differenti tra loro, il grasso distrofico sottocutaneo che sta alla base degli inestetismi più diffusi nella silhouette maschile e femminile (cellulite ed adiposità sottocutanea localizzata). La consulenza medico estetica specialistica consente l’associazione chimico-strumentale con la fosfatidilcolina, che è un principio attivo derivato dalla lecitina di soia, ha dato risultati estetici e di stabilità nel tempo assolutamente sovrapponibili agli interventi di liposcultura e lipoaspirazione.
Non occorrono bisturi, cannule, anestesia, fasciature, convalescenza, e trattamenti ulteriori.
I trattamento sono ambulatoriali, veloci, indolore e poco costosi. Occorre un po’ di pazienza perché i primi risultati si evidenzino; sono apprezzabili dopo almeno 3-4 sedute e si completano con un ciclo di 10-12 sedute a seconda delle necessità individuali.
Il metodo ha avuto un lungo “banco di prova” su centinaia di casi di diversa età, sesso, problematiche zonali. I risultati sono stati assolutamente tranquillizzanti riguardo controindicazioni ed effetti collaterali. In particolare si sono studiati gli effetti collaterali sulla circolazione sanguigna e linfatica delle zone trattate, si è valutato ecograficamente la differenza di spessore delle adiposità prima, durante e dopo un intero ciclo mettendo in evidenza differenze notevoli, sono state valutate le variazioni chimico-cliniche del metabolismo intermedio attraverso analisi di laboratorio del sangue e delle urine.
La seduta strumentale, intervallata da un’applicazione infiltrativa di fosfatidilcolina, viene associata sempre ad un massaggio drenante profondo con uso di cosmetici specificatamente studiati: un gel riducente veicolato tramite i manipoli della cavitazione e della radiofrequenza viene poi applicato a casa tutti i giorni dalla paziente con un leggero massaggio. Viene sempre consigliata una tisana drenante da assumere tutti i giorni.
I risultati medi ottenuti in 10-12 sedute settimanali evidenziano per la zona esterna delle cosce (trocanterica) una diminuzione di 6-12 cm della circonferenza con proporzionale riduzione visiva della “buccia d’arancia”.