Miky Merisi ha scelto il Fisico da Like! - Slide Free Press

Slide Free Press

#1 Free Press Network Magazine

venerdì 4 luglio 2014

Miky Merisi ha scelto il Fisico da Like!

Slide incontra Miky Merisi, il fotografo dei model fitness. In rassegna alcuni scatti del miglior fotografo di Fitness Models secondo Slide a cura della redazione / Ph. Miky Merisi “Let me hear your body talk” cantava negli anni ottanta Olivia Newton John con la sua canzone “Physical” mentre si diffondeva la moda delle palestre e il culto di un corpo maschile perfetto e ben curato. Erano gli anni di Rambo e Conan il Barbaro che portavano Silvester Stallone e Arnold Schwarzenegger alla ribalta soprattutto per la loro scultorea fisicità. Sebbene siano passati circa 30 anni e diverse mode si siano avvicendate, il mito della bellezza maschile rimane sempre quello di un corpo tonico, forgiato sapientemente da una muscolatura armoniosa e perfetta. Un mito che affonda le sue origini nell’antica Grecia, quando l’educazione del corpo, era un’attività molto diffusa, tesa sia a rendere i giovani pronti alla guerra che accrescere la forza di spirito per sostenere le fatiche e le contrarietà della vita:«Mens sana in corpore sano». A parte eventuali demonizzazioni che ogni moda, solitamente provoca, il corpo maschile ideale, muscoloso, diffuso dai mass media ha, senz’altro, un effetto positivo nel promuovere l’attività fisica, contrastando il problema dell’obesità vera e propria piaga, soprattutto nei paesi occidentali.
Ovviamente, l’ideale muscoloso, può essere un obiettivo estremo che non è né ottenibile dalla maggior parte degli uomini né richiesto per una salute ottimale. Esso, infatti, a determinati livelli diventa poi, la base per essere fitness model. Questa nuova figura nasce negli Stati Uniti dove chi ha un corpo allenato e una buona fotogenia può fare del suo fisico una vera e propria fonte di guadagno. Sono molte infatti le aziende sportive che scelgono ragazzi e ragazze come testimonial dei loro prodotti. Ma essere un fitness model non è assolutamente cosa semplice: bisogna essere costantemente in forma, avere una giusta definizione muscolare e atletica, essere sexy e attraenti; andare in palestra tutti i giorni; concentrarsi sulla dieta; abituarsi ad andare a letto presto ed eventualmente sacrificare la vita sociale più di una volta.
Un ruolo fondamentale per chi intraprende tale percorso lo gioca sicuramente anche la fotografia, poiché l’immagine diventa il proprio biglietto da visita. Se si vuole diventare fitness model bisogna disporre di ben altro che una serie di foto scattate col cellulare nel bagno di casa. Ci vuole un portfolio! Una collezione delle foto migliori, costantemente aggiornato, che mostri le proprie potenzialità e caratteristiche agli eventuali clienti. E la foto è il primo veicolo per la propria pubblicità. Per pubblicizzarsi, il fitness model, oggi non ha più bisogno di avere un sito web. Molti modelli americani infatti utilizzano facebook e altri social network, poiché sono molto efficaci, facili da gestire, veloci da aggiornare e soprattutto gratuiti. Nel caso particolare di facebook, è possibile creare le cosiddette pagine fan dove si possono inserire informazioni sulla propria attività, caricare foto, video e link per tenerle costantemente aggiornate e aumentare sempre più il numero dei…like! Quanto oggi sia elevato il gradimento nei confronti di ragazzi muscolosi lo si può facilmente verificare attraverso un veloce giro su facebook. I like che essi conquistano ogni giorno, superano di gran lunga ogni aspettativa anche rispetto a personaggi famosi del cinema o dello spettacolo, benché, spesso si tratti di emeriti sconosciuti. Il fotografo americano di fitness Pat Lee, ad esempio, ha appena tagliato il traguardo
di un milione di fan per la sua pagina “Pat Lee Photographer” proponendo nelle sue foto esclusivamente ragazzi con fisici mozzafiato che a loro volta posseggono pagine facebook con numeri di like di tutto rispetto. Il fotografo ritenuto da noi di Slide il numero uno in Italia in questo settore, è Miky Merisi ( Alias Michele Farina ) che allo stesso modo, ha puntato molto all’utilizzo dei fitness models allo scopo di realizzare foto di impatto più forte rispetto al genere fashion. Miky, foto veramente belle complimenti. Abbiamo appurato che hai veramente un popolo di seguaci in tutto il mondo. La mia pagina ufficiale MIKY MERISI PHOTOCLUB oggi può vantare circa 14 mila like ed è in costante ascesa soprattutto da quando le mie foto sono apparse su alcune pagine statunitensi. Esse hanno contribuito anche alla popolarità dei modelli del mio club, protagonisti delle foto in questione. Puoi farci un esempio concreto? E’ il caso, del giovane modello Luigi De Pisapia, il quale manda letteralmente in visibilio le fan che sommergono ogni sua foto pubblicata, con centinaia di like. Non sono solo le foto di belle ragazze che attirano attenzione sul web quindi. In realtà sebbene i tempi cambino e i mezzi di comunicazione si evolvano ad un ritmo esagerato, il mito della bellezza maschile e il gradimento ad essa legato rimangono sempre gli stessi. Per rendere l'idea di quanto siano interessanti gli scatti di questo segmento, in questo articolo vengono proposti sei ragazzi, sei fitness models italiani del Miky Merisi Photoclub, tra quelli che riscuotono grande favore di pubblico misurato in numero di like su facebook. Per essi, la bellezza, che Platone definiva “ un soffio di vento” divenga allora bufera: gli strumenti ci sono tutti. Luigi De Pisapia Luigi vive Cava de Tirreni (SA) e ha 22 anni. Il suo regno è il suo negozio “Muscle & Fitness Supplements Store” dove vende integratori alimentari, abbigliamento ed accessori per bodybuilding. Luigi si allena 6 giorni su sette e più volte al giorno. Il pomeriggio si dedica alla pesistica mentre la sera più ad attività cardio. La sua dieta prevede la bellezza di 7 pasti giornalieri e varia dall'avena al riso al farro, pollo, pesce carni rosse con mederazione e tante verdure. Nonostante sia molto giovane ha già partecipato a numerose competizioni di Body Building conseguendo vittorie e soddisfazioni. Per lui avere un corpo allenato vuol dire stare in forma e in salute e di conseguenza star bene con se stessi. Emiliano Caputo Emiliano Caputo è di Paola (CS) e ha 33 anni. Lavora come personal trainer, preparatore atletico, giudice di gara, docente Nbbui, Asi Coni e Nst Italia. Emiliano si allena in palestra mediamente 3 o 4 volte a settimana (nei periodi delle competizioni sportive arriva anche a 7giorni). L’alimentazione che segue dipende un po dal tipo di preparazione che sta facendo e dal tipo di allenamento che svolge nella programmazione annuale. Per lui allenarsi vuol dire innanzitutto salute fisica e mentale ma anche piacere a se stessi e agli altri non è un fattore trascurabile. Giovanni Iannuzzi, detto Carlos Giovanni ha 32 anni e vive tra Roma e Montecorvino Rovella (SA). Lavora da 12 anni nella marina militare ed è anche personal trainer e istruttore di KETTLEBELL & FUNZIONALE. Si allena praticamente ogni giorno, ed i suoi allenamenti sono un MIX tra Bodybuilding/Crossfit/Funzionale, appositamente studiati da lui stesso. La dieta di Giovanni è studiata di volta in volta in base alle esigenze degli allenamenti e degli obbiettivi fisici, comunque di norma alterna 6/7 settimane di dieta iperproteica a 4 settimane di chetogenica, per avere sempre un fisico asciutto e definito. Avere un corpo allenato non vuol dire solo apparire esteticamente, per Giovanni, l’allenamento ha come obbiettivo il miglioramento della propria forza, potenza, velocità e agilità. Per Giovanni l’immagine rappresenta il suo biglietto da visita poiche ritiene che <<non si avrà mai una seconda occasione di dare la prima impressione>>. Daniele Ciotoli Daniele ha 32 anni e vive a Ceccano in provincia di Frosinone. Qui ha un centro fitness ZEN zero con il suo studio di posturologia dove pratica anche la sua attività di personal trainer. Si allena da 15 anni e negli ultimi 5 è stato un atleta agonista di body building a livello internazionale . Si allena 3 volte alla settimana con i pesi, un allenamento breve e intenso. Sempre 3 volte la settimana fa una lezione di aerotone che gli permette di mantenere un lavoro aerobico costante tutto l’anno. Per quanto riguarda l’ alimentazione è equilibrata tutto l’anno aumentando le calorie durante l’inverno e pian piano le riduce in vista dell’estate o di una competizione agosnistica. Lavorando nel fitness e benessere un corpo allenato e ben fatto è un buon biglietto da visita anche per Daniele. Ma ci tiene molto alla funzionalità del corpo perchè ritene che un atleta debba poter muoversi liberamente anche in altri sport che non siano il suo. L’amore per lo sport e il senso di liberta che gli trasmette restano sempre i più grandi fattori motivanti. Giuseppe Maria Esposito Giuseppe ha 30 anni e vive a San Marzano sul Sarno (SA) dove possiede una piccola impresa edile. Da 12 anni che si allena in palestra e ha diversi brevetti come istruttore e personal trainer. Nel periodo estivo o per la sua "definizione" usa tecniche diverse di allenamento: superserie, rest-pause ecc. Ritiene che la cura del corpo si inizia principalmente a tavola. Giuseppe si è appassionato al body building perchè guardandosi allo specchio vedeva un corpo che non era quello che avrebbe voluto. Così dieta e palestra sono diventati per lui un vero e proprio stile di vita. Un poco di sano narcisismo e la voglia di star bene sono i fattori motivanti di tutto questo. Michele Di Lucchio Michele è di Potenza e ha 27 anni. Ha fatto della sua passione il suo mestiere, conseguendo certificazioni di personal trainer fif, csen e coni; attestati come educatore alimentare e posturale e svolge ora l'attività di personal trainer e preparatore atletico a Roma. Michele si allena mediamente 3 volte a settimana, eccetto in previsione di competizioni, in quei periodi dedica settimanalmente all'allenamento anche 4/5 giorni, di conseguenza anche il regime alimentare subisce variazioni. Il fatto in se di avere un corpo allenato può essere sinonimo di volersi bene ma nello specifico, per Michele, significa raggiungere un traguardo, non è solo una questione d'immagine, ma una sfida, una continua competizione con me stessi.