giovedì 13 dicembre 2012

SIC, il tributo dal popolo di EICMA





SIC, il tributo dal popolo di EICMA
Marco Simoncelli e l'affetto della gente.
di Tommaso Torri

È stata una straordinaria dimostrazione di affetto quella che tutto il popolo dell’Eicma ha voluto tributare a Paolo e Rossella Simoncelli, i genitori del Sic, arrivati nel salone milanese sia per promuovere tutte le iniziative della Fondazione intitolata a Marco sia per ricevere la Honda CBR1000RR “Supersic”, personalizzata con i colori e le grafiche preferite del pilota.
La moto, un esemplare unico al mondo personalizzato dal designer Aldo Drudi e donata alla famiglia dalla casa giapponese in occasione del Gp del Mugello, era stata messa all’asta su Ebay per raccogliere fondi da destinare alla Fondazione. Ad aggiudicarsela, don un estenuante testa a testa nelle offerte, fu il Ceo della Dorna Carmelo Ezpeleta per circa 50mila euro. Su suggerimento della figlia il numero uno di Dorna ha poi però effettivamente versato l’evocativa cifra di 58 mila Euro, per omaggiare ancor meglio la memoria dell’amato pilota italiano. Trattandosi di una moto simbolo, creata in questa splendida livrea per tenere vivo il ricordo di Marco, la decisione finale di Ezpeleta è stata sicuramente la migliore che si potesse prendere: restituirla a Paolo e Rossella Simoncelli. La consegna è avvenuta sabato 17 novembre all’Eicma presso lo stand Honda, nella cornice della premiazione dei migliori piloti che hanno partecipato ai trofei monomarca Honda 2012.
A più di un anno dalla sua scomparsa, Marco rimane nel cuore di tutti gli appassionati del mondo delle due ruote e, se non bastasse quanto già dimostrato fino ad oggi, è bastato assistere alla ressa che si è accalcata nello spazio di Mediaset dove i genitori Paolo e Rossella sono arrivati per presentare il calendario “Route 58 – In viaggio con Sic”. L’iniziativa, portata avanti con la collaborazione e il sostegno di Mediafriends, servirà a finanziare il progetto della Fondazione Marco Simoncelli per realizzare un centro diurno per ragazzi disabili.