E' primavera, svegliatevi lettori! - Slide Free Press

Slide Free Press

#1 Free Press Network Magazine

venerdì 1 aprile 2011

E' primavera, svegliatevi lettori!


Consigli di lettura all'aria aperta
di Sara Giannetti - Sololibri.net

Insieme alla primavera, torna anche la voglia di letture all’aperto. Tra le varie proposte editoriali del 2011, eccone alcune particolarmente indicate ad essere “consumate” fuori dalle mura di casa.

http://www.jotform.com/uploads/promoslide/2505239253/165061355934010256/malvaldi.jpg
Cominciamo con un piccolo ma godibilissimo giallo mangereccio: “Odore di chiuso” di Marco Malvaldi, pubblicato da Sellerio. Bolgheri, 1895: Pellegrino Artusi, il baffuto e gaudente autore de “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”, ignaro ospite del barone Romualdo Bonaiuti e della sua sfaticata famiglia, è coinvolto nel più classico dei delitti: avvelenamento in una camera chiusa. Tra equivoci, antipatie familiari e considerazioni culinarie, si dipana un impeccabile giallo il cui colpevole – ahimè – non è certo il maggiordomo.
- Dove leggerlo: sui mezzi pubblici, per estraniarsi dal caos e ridere da soli.

http://www.jotform.com/uploads/promoslide/2505239253/165061355934010256/rooke.jpg
Altro piccolo gioiello “fuori tempo” è “Il cane di Shakespeare” di Leon Rooke, edito in Italia da Elliot, ma uscito addirittura nel 1983 in Canada. La disillusa e filosofica voce narrante è Hooker, il cane di Shakespeare. Dotato di un carattere forte e una certa propensione ad attaccar briga, Hooker si considera l’angelo custode di Will, ragazzetto scarmigliato e inconcludente, il cui sogno è calcare le assi dei più grandi teatri di Londra. Una simpatica immersione nell’Inghilterra popolare seicentesca, raccontata con un linguaggio colorito e sanguigno dal canadese Rooke, che non risente minimamente dei trent’anni – o quasi - trascorsi dalla pubblicazione.
- Dove leggerlo: ad un appuntamento, per ingannare il tempo in attesa dell’amico ritardatario.

http://www.jotform.com/uploads/promoslide/2505239253/165061355934010256/nothomb.jpg
Continuando a frugare nelle prime pubblicazioni di questo 2011, troviamo la nuova fatica di Amélie Nothomb, “Una forma di vita”, per i tipi di Voland. Se da una parte la scrittrice giappobelga (come lei stessa ama definirsi) affronti per la prima volta una diversa struttura narrativa, utilizzando la forma epistolare, dall’altra mantiene i temi a lei cari del rapporto col cibo e dell’alienazione. Eccola quindi dialogare per lettera con Melvin Mapple, soldato di stanza in Iraq da troppo tempo, arrivato a pesare 180 chili e confortato nei lunghi mesi di servizio proprio dai suoi libri. La Nothomb ci regala il suo romanzo più delicato e insieme impietoso.
- Dove leggerlo: al tavolino di un caffè in una mattinata piovosa.

http://www.jotform.com/uploads/promoslide/2505239253/165061355934010256/bartolomei.jpg
Per finire, torniamo in Italia con un libro pubblicato da E/O: “Giulia 1300 e altri miracoli” dell’esordiente Fabio Bartolomei, pubblicitario romano. Diego, quarantenne bugiardo e insoddisfatto, decide di liberarsi della piatta vita che conduce – un lavoro anonimo e una donna che non ama – per buttarsi nella sconclusionata impresa di aprire un agriturismo. Con un picco di ingenuità quasi commovente, si mette in società con due perfetti estranei, impreparati e sprovveduti quanto lui, dando vita ad un progetto traballante e sconclusionato. Un libro fresco e scanzonato come la sua copertina.
- Dove leggerlo: pigramente sdraiati al parco, pancia sul prato e sole primaverile sul naso.